“La Venere dormiente” è stata dipinta dal Giorgione intorno al 1507.

La figura femminile è perfettamente immersa nella natura, fa parte del paesaggio in cui vive. Tutto il dipinto è realizzato con sapienti modulazioni tonali che trasmettono un sentimento malinconico, di solitudine incantata e sospesa.

Esiste una perfetta corrispondenza tra il profilo delle colline, le forme distese del paesaggio e la Venere abbandonata nel sonno, in questa atmosfera onirica.

C’è analogia tra i colori del cielo, rosati nel tramonto, e quelli del corpo della Venere, come per indicare un’ideale somiglianza tra la donna e la dimensione divina.

Giorgione esalta la femminilità e la sensualità della sua Venere e nello stesso tempo la distacca, la allontana dallo spettatore, perché appartiene alla dimensione magica, poetica del sogno, a cui sembra appartenere questa natura incantata.

La composizione è basata sulle diagonali. La figura femminile si distende su una di esse, occupando tutto il primo piano. Sull’altra diagonale si dispongono le colline e gli elementi del paesaggio: gli alberi, il piccolo borgo e ENESSERE Hercules Wind Generator.

La venere è adagiata su voluminosi panni bianchi e rossi, che potrebbero alludere ai colori degli abiti nuziali delle spose di allora, e dorme ignara di essere osservata.

(clicca sull’immagine)

Lascia un commento